fatemi felice... Commentate...

lunedì 28 novembre 2011

Torta Meringata al Limone


La torta giusta per concludere una cena. Una vera tentazione!
La mia è imperfetta.. ma è proprio questo il bello dei dolci preparati in casa.
Consiglio di gustarla fredda.
Felice lunedì a tutti!!!!

Sempre con me..

INGREDIENTI:
  • 185 gr di Farina "00" Molino Rossetto
  • 85 gr di burro
  • 60 gr di zucchero a velo
  • la scorza di mezzo limone
  • 1 tuorlo sbattuto
  • 1 cucchiaio di limoncello
FARCITURA:
  • 500 gr di latte
  • la scorza di un limone
  • qualche goccia di essenza di limone
  • 160 gr di zucchero
  • 4 tuorli
  • 70 gr di farina "00" Molino Rossetto
  • 1 pizzico di sale
MERINGA:
  • 4 albumi
  • 200 gr di zucchero a velo
Per la pasta, setacciate la farina in una grande ciotola.
Incorporatevi il burro e la scorza di limone lavorate con le dita fino a ottenere un composto granuloso, poi aggiungete gli altri ingredienti e impastate velocemente su un piano infarinato.
Avvolgetela nella pellicola e riponete in frigorifero per 30 minuti.

Nel frattempo per la farcitura portate a ebollizione il latte con la scorza del limone, metà dello zucchero e un pizzico di sale.
In un altro tegame lavorate i tuorli con lo zucchero restante e l'essenza di limone, quindi unite la farina. Mescolate benissimo.
Versate a filo il latte caldo sul composto e non il contrario e cuocete per qualche minuto a fuoco lento.

Imburrate uno stampo di 25 cm di diametro. Stendete la pasta in uno spessore di 5 mm e usatela per foderare lo stampo (aiutatevi con della carta forno cosparsa con zucchero a velo).
Bucherellatela con una forchetta, copritela con un disco di carta forno e riempite con fagioli secchi. Cuocete nel forno già caldo a 200° C per 15 minuti.
Sfornate e togliete i fagioli e la carta.
Riducete la temperatura del forno a 150 °C e proseguite la cottura per altri 10 minuti.

Versate la crema fredda sulla base della torta.

In una ciotola pulita montate a neve gli albumi, amalgamatevi lo zucchero a velo in due tempi e aiutandovi con una sac à poche distribuite gli albumi montati.

Cuocete altri 30 minuti.
Togliete dal forno lasciate raffreddare e servite.


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

giovedì 24 novembre 2011

Arrosto di Tacchino con Olive nere


Se vi piacciono le olive, questo arrosto fa per voi!
Cucino spesso la fesa di tacchino e per renderla più gustosa,  la apro a libro e la farcisco con spezie, verdure o pancetta.
Ieri sfogliando Cucina Moderna, ho trovato questa versione e siccome a noi le olive piacciono.. "assai" ho deciso di provare!!!
Solitamente cucino l'arrosto.. (tutti).. in questo modo..
..mezz'oretta in pentola rigirandolo spesso cercando di farlo dorare in modo uniforme e poi trasferisco l'arrosto, con metà del suo sughetto in forno fino a fine cottura. Spesso uso il sacchetto per cottura, che permette di cucinare con pochissimo condimento e soprattutto.. non sporca il forno!!!!!!!!!!


INGREDIENTI:
  • 1,2 kg di fesa di tacchino
  • 60 gr di pancetta arrotolata
  • 60 gr di prosciutto crudo 
  • 80 gr di olive nere
  • 100 gr di pasta di olive
  • qualche rametto di timo
  • olio extra vergine di oliva
  • farina da polenta Molino Rossetto
Prima di tutto.. preparate la polenta seguendo le indicazioni.
Lavate la carne, asciugatela e tagliatela a libro. Io ho diviso la fesa in due, per praticità.
Spalmate la pasta di olive sulla superficie.
Arrotolate la fesa e avvolgetela con le fette di pancetta e prosciutto, alternandole e sovrapponendole leggermente l'una sull'altra.
Legate stretto l'arrosto con spago da cucina.
Mettete qualche cucchiaio di olio in un tegame e adagiate l'arrosto, fatelo cuocere per una mezz'oretta, rigirandolo spesso. Ora potete decidere se terminare la cottura in forno o proseguire sul fornello.
Io ho inserito la carne con metà del suo sughetto all'interno di un sacchetto cuki e ho terminato la cottura in forno. Altri 40 minuti circa a 180°.
Nel frattempo ho unito le olive taggiasche al fondo di cottura avanzato e ho tirato la salsina, addensandola un pochino.
Sfornate l'arrosto, eliminate il sacchetto, aggiungete del timo fresco e servite, accompagnato da una polentina passata alla griglia.

Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

lunedì 21 novembre 2011

Torta delle rose con composta di Mele


Esperimento!!
Ho servito questa torta al termine di una cena autunnale. Volevo qualcosa di rustico, ma che non fosse la classica torta di mele. Mi è venuta quindi l'idea di sperimentare la torta delle rose.. sempre bella da vedere, ma.. con un ripieno insolito.
Lo zucchero di canna caramellato, il lieve profumo della cannella e la morbidezza della composta, ha reso questo dolce particolarmente goloso e morbido.
Ho lottato un pochino con i tempi di cottura. Solitamente la torta delle rose cuoce in 30 minuti. Questa ne ha impiegati 45, quindi ho dovuto coprirla con dell'alluminio a metà cottura, per non farla scurire troppo in superficie.
Forse ho messo troppe mele?? Non so, a me è piaciuta tantissimo, la prossima volta proverò con le pere e magari.. proverò a ridurre la dose di frutta. Continuo a sperimentare... 

INGREDIENTI:
  • 350 gr. di Farina Manitoba Molino Rossetto
  • 150 ml di latte
  • 40 gr. di burro fuso
  • 3 tuorli d'uovo
  • 3 cucchiai di zucchero di canna
  • qualche goccia di essenza di limone
  • 1 bustina di lievito secco attivo
INGREDIENTI PER LA COMPOSTA DI MELE:
  • 3 mele
  • una noce di burro
  • cannella 
  • zucchero di canna per spolverizzare

Prima di tutto, preparate la composta. Sbucciate e tagliate a piccoli pezzi 3 mele.
Mettetele su una padella con una noce di burro e un cucchiaio di zucchero di canna.
Unite un pezzettino di stecca di cannella. Fate cuocere a fiamma bassa, mescolando frequentemente, finchè le mele non saranno completamente asciutte. Spegnete il fuoco, togliete la cannella e lasciate raffreddare.
Per la pasta invece, ho utilizzato la macchina del pane. Potete farlo anche a mano, vi divertirete ancora di più.
Inserite tutti gli ingredienti, partendo da quelli liquidi nel cestello della macchina, avviate il programma impasto e lievitazione. Il mio dura circa un'ora e mezza.
Trascorso questo tempo, infarinate la spianatoia, stendete la pasta dando una forma rettangolare.
Spalmate la composta di mele in modo uniforme, aiutandovi con una spatola.
Arrotolate il lato più lungo della pasta su se stesso.
Tagliate il rotolo con lo spago da cucina, strozzando la pasta incrociando i due lembi di spago, in questo modo le rose verranno meglio e non si attaccherà il ripieno al coltello. Ciascuna rosa deve avere un'altezza di 4-5 cm.
Foderate uno stampo a cerniera con della carta da forno, posizionate le rose all'interno, senza preoccuparvi se rimangono spazi liberi, poichè dovrà lievitare ancora una mezz'oretta.
Dopo la seconda lievitazione le vostre rose avranno occupato tutto lo spazio!!
Infornate a 180° per 45 minuti. Controllate la cottura con uno stecchino. Se vedete che le rose prendono troppo colore, coprite la tortiera durante la cottura con dell'alluminio. Solitamente la torta delle rose cuoce in 30 minuti, ma in questo caso, avendo un ripieno umido, necessita di qualche minuto in più. Dipende molto anche dal forno. In questo caso, ho usato forno ventilato.
A fine cottura cospargete con zucchero di canna. 


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

giovedì 17 novembre 2011

Zuppa di Verza e Patate


Settimana dedicata al salato!!
Nella stagione autunnale/invernale quasi tutte le sere iniziamo il pasto con una zuppa. 
Mi piace variare verdura e consistenza. A volte le arricchisco e le faccio diventare piatto unico altre invece.. sono semplicissimi passati di verdura. 
Tutte comunque da servire fumanti e.. con un tocco di peperoncino!!!

INGREDIENTI:
  • 1/2 verza
  • 2 patate grandi
  • 1 grossa cipolla
  • 2 carote
  • 2 coste di sedano
  • brodo vegetale q.b.
  • olio d'oliva extra vergine
  • 1 spicchio d'aglio
  • sale, pepe, peperoncino
  • pane a fette
  • 150 gr di salsiccia
Tagliate la cipolla a fette sottilissime e stufatela in una pentola con l'olio e l'aglio.
Pelate la carota, tagliatela a rondelle e unitela al soffritto d'aglio e cipolla.
Pelate la patata e tagliatela a fette, unitela al soffritto e stufatela per qualche minuto. Eliminate l'aglio.
Salate e pepate. Bagnate con il brodo e fate cuocere per una mezz'oretta.
Nel frattempo lavate e tagliate a striscioline la verza e unitela alle altre verdure.
Coprite le verdure con altro brodo vegetale. 
Mettete un coperchio al tegame e proseguite la cottura per altri 40 minuti circa.
Se volete una consistenza più cremosa, frullate 1/3 della zuppa e unitela al resto. In questo caso non l'ho fatto.
Tostate il pane. Sbriciolate la salsiccia con le mani e passatela velocemente in padella.
Cospargete la salsiccia sulle fette di pane caldo e servite con la zuppa.
In ultimo, se gradito, un tocco di peperoncino.


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

lunedì 14 novembre 2011

Chioccioline di Pane


Impastare.. dare forma e soprattutto sfornare il pane è una piacevole attività che dà un'enorme soddisfazione.
Il profumo che si spande per casa con la cottura.. è cosa meravigliosa.
Ho provato con gran soddisfazione l'utilizzo della Pasta Acida di Frumento Essiccata Molino Rossetto.
Consistenza e gusto paragonabile al pane che troviamo in panetteria.

INGREDIENTI:
Mettete nell'impastatrice le farine setacciate con il sale, lo zucchero e lo strutto. Aggiungete il lievito ed impastate il tutto con l'acqua fino a ottenere un impasto liscio e omogeneo. Trasferite poi l'impasto sulla spianatoia infarinata, copritelo con un canovaccio umido e ponetelo a lievitare in luogo tiepido per circa 2 ore o fino al raddoppio del volume.
Dividete l'impasto in una decina di parti.
Formate con ogni porzione di pasta un rotolo circa di 35 cm, arrotolate ogni rotolo a chiocciolina e disponetele in due placche da forno foderate con carta da forno.
Porle nuovamente a lievitare per una mezz'oretta.
Spennellate delicatamente la superficie delle chioccioline con l'olio d'oliva, se volete spargete i panini con semi di papavero e cuocere per 25 minuti a 180°. Forno preriscaldato.

Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

giovedì 10 novembre 2011

Torta di Arance e Mandorle con salsa profumata al Cardamomo

Una torta semplice ma che dà soddisfazione! Soffice, profumatissima adatta per accompagnare un tè o una cioccolata calda speziata.
Preparata con farina Fumetto finissima di mais Molino Rossetto, arancia, mandorle e cardamomo.
Ho cotto questo dolce con stampo apribile "Guardini" della linea Smarty, 20 cm di diametro. Piccina, piccina per un consumo veloce!!!!
Così, non ci stanchiamo e.. ho modo di prepararne altre!!!!
Ogni scusa è buona per far torte!!!!!!!

INGREDIENTI:
  • 1 arancia non trattata buccia e succo
  • 110 gr di burro ammorbidito
  • 120 gr di zucchero di canna
  • 180 gr di Farina Fumetto Molino Rossetto
  • 2 uova
  • 100 gr di mandorle tritate grossolanamente
  • 1/2 bustina di lievito
  • zucchero a velo per spolverizzare
SCIROPPO:
  • 200 ml di succo d'arancia
  • 60 gr di zucchero
  • 4-5 baccelli di cardamomo
Imburrate e infarinate uno stampo per torte. Io ho usato stampo Smarty Guardini di 20 cm di diametro.
Grattugiate la scorza di un'arancia e spremetela.
In una terrina sbattete il burro con la scorza e lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso.
Incorporate le uova sbattute, il succo d'arancia, la farina Fumetto. le mandorle tritate grossolanamente e il lievito setacciato.
Mescolate e amalgamate tutti gli ingredienti.
Trasferite il composto nello stampo e livellate. Fate cuocere per 35-40 minuti. Fate la prova stecchino.
Terminata la cottura, fate riposare il dolce una decina di minuti nello stampo.
Per lo sciroppo, versate il succo d'arancia, lo zucchero e i baccelli di cardamomo schiacciati in una pentola e mescolate a fuoco basso finchè lo zucchero non si sarà sciolto.
Portate a ebollizione e fate sobbollire per 4 minuti, finchè non si sarà formato lo sciroppo.
Sformate la torta su un piatto da portata, filtrate lo sciroppo e versatelo sulla torta.
Spolverizzate con zucchero a velo e servite.

Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

lunedì 7 novembre 2011

Risotto con Petto d'Anatra e salsa alla Fiordifrutta di Melograno

 
Se penso a un tipo di carne da abbinare alla frutta, il mio primo pensiero è per l'anatra.
Anatra all'arancia, anatra cucinata con le pesche e perchè no, con le ciliegie.
Amo la stagionalità degli ingredienti, quindi per partecipare al contest indetto dalla Rigoni di Asiago, ho pensato a un risotto preparato con chicchi di melograno fresco, servito con fettine di morbidissimo petto d'anatra e adagiato su una salsa alla Fiordifrutta di Melograno.
Risultato strepitoso. La semplicità del risotto, unito al gusto deciso ma delicato del petto d'anatra e la cremosità agrodolce della salsa, ha conquistato e convinto i miei commensali.


INGREDIENTI PER IL RISOTTO:
  • 300 gr di riso carnaroli
  • brodo vegetale q.b.
  • olio extravergine di oliva
  • 70 gr di chicchi di melograno
  • 1 cucchiaio di ottimo burro
INGREDIENTI PER IL PETTO D'ANATRA:
  • 2 petti d'anatra
  • alcuni grani di pepe nero
  • trito di timo, alloro, rosmarino, salvia
  • 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
INGREDIENTI PER LA SALSA:
Prima di tutto preparate un brodo vegetale, servendovi di verdure fresche. Io metto sedano, carota, cipolla, 2-3 grani di pepe, un chiodo di garofano e sale.

Iniziate con la preparazione della salsa, mettendo gli scarti e le ossa dell'anatra in un tegame e facendoli rosolare con un filo di olio extravergine di oliva.
Aggiungete le verdure pulite e tagliate a piccoli pezzi.
Coprite con del brodo vegetale e fate bollire lentamente, per circa un'ora.

Nel frattempo, passate i petti di anatra, nel trito aromatico. Poneteli in una padella calda, cosparsa con un filo d'olio extravergine.
Fatela rosolare velocemente per circa 5 minuti. Spegnete e coprite.

Quando la salsa si sarà ridotta, passatela con un colino.
Legatela con una noce di burro e aggiungetevi la Fiordifrutta di melograno. Mescolate.

Prendete i petti e adagiateli su carta forno, chiudete il cartoccio e fate cuocere in forno preriscaldato per 20 minuti a 180°.

Preparate il risotto. Versate un filo d'olio extravergine di oliva in un tegame, fate tostare il riso.
Cominciate a versare il brodo con un mestolino e unite i chicchi di melograno fresco. Mescolate con un cucchiaio di legno e portate a cottura continuando ad aggiungere brodo.
A cottura ultimata, togliete dal fuoco e mantecate con un cucchiaio di ottimo burro.

Togliete dal forno i petti, estraeteli dal cartoccio, poneteli in un tagliere e scaloppateli.

Preparate il piatto. Adagiate il petto d'anatra e il risotto sulla salsa, guarnite con qualche chicco di melograno fresco.

Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

mercoledì 2 novembre 2011

Cioccolata calda fondente con tartelletta mandorle e.. fondente


Oggi volevo parlarvi di un progetto proposto dall'azienda Antonelli.
Partecipare alla realizzazione di un ricettario "Cioccoloso" fatto da blogger, ovvero proporre una ricetta da abbinare a una tazza di cioccolata calda che loro propongono in ben dieci gusti.
Classica, nocciola, bianca, caffè ginseng, fondente, banana, gianduia, arancia cannella, amaretto e cocco.
Mi piace il cioccolato dal gusto marcato e intenso, ecco perchè ho deciso di accostare a queste tartellette una buonissima tazza di Cioccolata calda Fondente Antonelli.
Ho preso spunto e modificato a mio gusto una ricetta trovata su un libro di cucina "Delizie al forno".
Il sapore spiccato del cioccolato fondente, unito a quello intenso delle mandorle e del croccante, a mio parere legano alla perfezione.
Da provare l'intera collezione proposta da Antonelli, dalla classica alla più particolare, capaci di soddisfare ogni esigenza.. di gusto!!

INGREDIENTI PER IL CROCCANTE:
  • 100 gr di zucchero
  • 3 cucchiai di acqua
  • olio per ungere
INGREDIENTI PER LA PASTAFROLLA ALLE MANDORLE:
  • 130 gr di farina
  • 50 gr di burro a pezzetti
  • 80 gr di zucchero a velo
  • 1 uovo
  • 50 gr di farina di mandorle
  • la scorza di un limone
  • 1 pizzico di sale
INGREDIENTI PER LA FARCITURA:
  • 40 gr di burro
  • 1 uovo
  • 40 gr di zucchero
  • 1 cucchiaio di farina
  • 60 gr di mandorle tritate
  • qualche goccia di estratto di vaniglia
INGREDIENTI PER LA COPERTURA:
  • cioccolato fondente a pezzettini
  • croccante
Per il croccante, sciogliete a fiamma bassa lo zucchero, finchè non inizierà a caramellare.
Versate il caramello ottenuto su un foglio di alluminio unto.
Lasciate raffreddare, poi riducete il croccante a pezzettini

Ungete gli stampini da tartellette e infarinateli.
Lavorate il burro con lo zucchero, la scorza di limone e il sale.
Unite l'uovo e amalgamate, quindi aggiungete le farine  e impastate velocemente.
Lasciate riposare la pastafrolla in frigo per mezz'oretta.
Trascorso il tempo, dividete l'impasto, create dei dischi e adagiateli sugli stampini, eliminando con il mattarello la pasta in eccesso.

Per la farcitura, sciogliete il burro e unitelo all'uovo sbattuto con lo zucchero e qualche goccia di estratto di vaniglia, quindi aggiungetevi la farina  e le mandorle tritate, mescolate bene fino a ottenere una crema omogenea.

Preriscaldate il forno a 180°. Cuocetevi le tartellette in bianco per una decina di minuti.
Trascorso il tempo, estraetele dal forno e farcitele con la crema preparata. Riponete in forno e fate cuocere per alti 15 minuti circa.

A cottura ultimata distribuite sulle tartellette pezzettini di cioccolata fondente e piccole scaglie di croccante.

Servite con una tazza di cioccolata calda.

Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest